lunedì 12 novembre 2007

Sondaggio: "Il Campionato di calcio andrebbe sospeso?"...Vota e commenta i fatti accaduti.

Qualche ora fa si è concluso il vertice tra il Ministro dello Sport Giovanna Melandri e le cariche del mondo del calcio italiano, Giancarlo Abete e Antonio Matarrese.
In questa riunione il Ministro afferma, come si può leggere in rete, di aver chiesto ai vertici del pallone di valutare la possibilità di sospendere il campionato per alcune settimane, perchè serve una decisione esemplare.
Alla luce di quanto accaduto ieri, cioè la morte del giovane tifoso della Lazio Gabriele Sandri e i "disordini" che sono scaturiti a Bergamo e Roma, esprimi il tuo parere attraverso il "sondaggio":

IL CAMPIONATO DI CALCIO ANDREBBE SOSPESO?

Si.
No.
pollcode.com free polls


Naturalmente mi aspetto che esprimiate le vostre considerazioni in merito, tenendo presente che il problema torna di attualità solo quando una vita viene spezzata in circostanze che dovrebbero essere tutt'altro che pericolose.
A voi i commenti...

8 commenti:

Cristina ha detto...

Ho votato per la sospensione del campionato, penso che fermarsi sarebbe l'unico modo per ricominciare in sicurezza e civilmente. Ma non lo faranno, ci sono troppi interessi in mezzo, al massimo una domenica o due di stop, ma serviranno a ben poco. Ciao!

Mr.Segnalatore ha detto...

Io spero che qualcosa cambi per, come dici giustamente tu, ricominciare in sicurezza e civilmente. Anche sull'argomento business...è questo il vero problema del calcio!

Nicola Andrucci ha detto...

ho votato per la sospensione del campionato che a mio avviso dovrebbe essere a tempo determinato. Vedremo dove sfogheranno poi i loro bollori questi delinquenti...

Mr.Segnalatore ha detto...

Puntuale come sempre Nicola, grande!

Weltall ha detto...

Non essendo tifoso e non amando particolarmente il calcio, non sapevo cosa votare.
Ho scelto la sospensione del campionato alla fine, perchè credo sia il momento di dare un segnale forte, prima che ci scappi nuovamente il morto.
Rimane sempre l'interrogativo, una volta chiusi gli stadi, "dove questa gente sfogherà la propria violenza?"

paola ha detto...

Bho io non ho capito che c'entra il calcio (che ha un sacco di altre colpe, per esempio non essere trasparente nelle gestioni, non essere corretti nel gioco e altre cose). Lui si andava alla partita ma non era dietro che dormiva? E uno dall'altra parte dell'autogril spara alzo zero? E se colpiva un automobilista di un auto che passava?
Poi quello che ne e' seguito la guerriglia urbana ecc non ho parole
ciao

Riverinflood ha detto...

Sospensione del campionato? Intanto la prossima sospensione cade a fagiuolo per via della partita della nazionale. I grandi interessi economici e i grandi lucri sull'affair pallone non prevedono chiusure né a tempo determinato né in altri modi. Come ebbi modi di scrivere in un mio post su fatti di Arezzo, credo sia più opportuno che a prendere consapevole posizione critica debbano essere necessariamente i protagonisti attivi di questo "sport": i calciatori strapagati, i quali dovrebbero incrociare "le gambe" e non giocare fino a quando non si ritorni alla ragione. Ecco, un vero e proprio confronto di furza sulle Ragioni primarie del convivere civile.

Nicola Andrucci ha detto...

le Istituzioni italiane hanno paura di rompere il giochetto del calcio. Avrei voluto vedere se una cosa simile fosse successa in paesi più civili del nostro come la germania o la francia, che provvedimenti avrebbero preso!

Google