lunedì 28 aprile 2008

Incredibile in India: neonati lasciati cadere da 15 metri su un telo in segno di devozione.

A Musti (Solapur), nello stato indiano di Maharashtra, viene "celebrato" un incredibile rituale.
Io lo definisco pericolosissimo (e pazzesco), ma sembra che gli abitanti del luogo che lo praticano non la pensano in questo modo.

Accade questo: i neonati vengono lasciati cadere, su una specie di telo tenuto dai devoti, dalla sommità della cappella del "santo protettore" della zona ad un'altezza di circa 15 metri.

Questa è una tradizione che gli abitanti di quella zona portano avanti da quasi 500 anni e servirebbe (a loro avviso) a donare salute al bambino e come atto di devozione.

Naturalmente non tutti la pensano così... i devoti ci credono fermamente, mentre altri chiedono che questa "pratica" venga vietata dal governo centrale.
Sembra non si siano verificate mai tragedie, ma il tutto è al limite.

Ogni anno sia famiglie Mussulmane che Hindu prendono parte a questo rituale e le amministrazioni locali non interferiscono. Si limitano a mettere a disposizione "pesanti" forze di polizia come misura di sicurezza.

Io rispetto le tradizioni altrui, ma questo mi sembra personalmente eccessivo.


N.B. L'articolo potrebbe contenere inesattezze in quanto liberamente tradotto da siti in lingua straniera. Controllare la fonte, grazie.


Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi Votarlo su OKNOtizie. Grazie Mille!

Scritto da Mr.Segnalatore

4 commenti:

Weltall ha detto...

eccessivo e decisamente idiota aggiungerei...

Riverinflood ha detto...

Un rito spartano al contrario, dove invece di buttare giù i bambini deformati si buttano giù quelli sani come quasi ad implorare una selezione fatale. Una barbarie come tutte le credenze che hanno a che fare con le superstizioni religiose.

giadatea ha detto...

l'India mi stupisce sempre di più, comunque anche per me è un rito assurdo e dovrebbe essere vietato

nicolacassa ha detto...

Che roba...e se sbagliano a lanciarlo? Il telo in basso è abbastanza piccolo...mamma mia!

Google