giovedì 17 aprile 2008

Spazzatura spaziale: ecco cosa c'è migliaia di Km sopra le nostre teste.

La situazione terrestre per quanto riguarda l'inquinamento è sicuramente tragica. Ma non tutti sanno cosa capita nello spazio, dove i dati iniziano ad essere inquietanti...
L'agenzia spaziale europea ESA ha eleborato al computer delle immagini raffiguranti il nostro pianeta circondato da milioni di detriti metallici, la cosiddetta "spazzatura spaziale".

Di satelliti nello spazio se ne contano ormai a centinaia, molti di questi appartengono al settore telecomunicazioni.
Una volta "esaurite" le loro funzioni vengono abbandonati. Entrando in collisione tra loro o esplodendo si trasformano in detriti che, in "compagnia" del materiale di scarto dei voli spaziali, "vagano" ad un'altezza di oltre 3000 Km dalla Terra.
Proprio sulla nostra testa!

Attraverso questo link potrete guardare altre immagini con maggior risoluzione.

(Fonti: Telegraph.co.uk - Wacky Archives)

Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi Votarlo su OKNOtizie. Grazie Mille!

Scritto da Mr.Segnalatore

5 commenti:

Weltall ha detto...

Visto l'argomento, vorrei segnalere il bel manga Planetes, pubblicato dalla Planet Manga, ambientato in un futuro molto prossimo, i cui protagonisti sono degli "spazzini spaziali" impegnati nel raccogliere gli "space debris", i rifiuti spaziali che orbitano intorno alla terra.
Titolo molto bello e perciò consigliatissimo ^___*

giadatea ha detto...

Sempre portarsi un ombrello dietro, così se ci trovano schiacciati almeno la pettinatura si salva.....

suburbia ha detto...

Conoscevo il fatto ma ignoravo la dimensione della cosa (grazie del link davvero utile e ben fatto).
Un saluto e un augurio di buon fine settimana, ciao

Comicomix ha detto...

Abbiamo una naturale tendenza (forse per esorcizzare la morte) a lasciare una Traccia di noi. Lo facciamo in mille modi, a volte positivi (un romanzo ben riuscito, una scultura, un ponte, ecc...) ma anche producendo spazzatura su spazzatura. Che non risparmia neppure l'universo.

^_^

Felipegonzales ha detto...

Peggio che a Napoli!

Google